Arteterapia

COLLEGAMENTI non si focalizza più sul prodotto artistico finale, bensì sul vivere il processo che ha condotto a quel risultato. La creazione è un momento fondamentale, perché si vengono a creare dinamiche e relazioni molto importanti che danno origine ad un progetto finale ricco di emozioni ed originalità.

L’atto di produrre un’impronta creativa, infatti, ci permette di accedere agli aspetti difficilmente raggiungibili e nascosti del nostro “essere”, di entrare in contatto ed esprimere le emozioni e di sperimentare e potenziare abilità spesso ignorate o inutilizzate. Il processo creativo, al di là del contenuto e del risultato finale, è già terapeutico in sé.



L’arte è per sua natura sensoriale, cioè corporea (sensazioni visive, tattili, acustiche, olfattive, percezione ed organizzazione dello spazio) e coinvolge emozioni e processi cognitivi che attraverso vari linguaggi creativi ed il processo di simbolizzazione trovano espressione, dando forma all’esperienza.
In questo modo, i canali sensoriali diventano le prime vie attraverso le quali stimolare l’apprendimento ma anche attraverso le quali comprendere le rappresentazioni interne del mondo degli individui e sostenerne il processo di trasformazione.  
L’arte rende possibile “vedere” ed “esprimere” molto più di quello che le parole possono fare, poiché si tratta di una comunicazione densa di significato intrinseco, che viene percepita emotivamente, anche da chi ne usufruisce, in modo diretto. 


Nell’accostarsi all’arteterapia è molto importante porre al centro del processo terapeutico la persona con disabilità per cercare la terapia adatta a lui e non viceversa. Pertanto, dobbiamo essere consapevoli delle modalità di reazione della persona e realizzare un setting terapeutico in cui l’utente sia tutelato da stimoli eccessivi, sia accompagnato nella comprensione di ciò che dovrà affrontare e si senta accolto empaticamente dal terapeuta o operatore. Bisogna quindi fare una scelta mirata di materiali e attivare gli stimoli adatti.
Colorare, dipingere e disegnare insieme, rispettando ognuno il proprio tempo e spazio, diventa un’occasione di comunicazione silenziosa ma ricca di significato.
L’Arteterapia è scoprire la relazione attraverso l’arte tra utente e educatore, ma anche tra figlio e genitore, fratelli ed amici. L’Arteterapia offre la possibilità di stare insieme e di condividere momenti creativi, usando un modo diverso di esprimersi: l’arte.